CONSIGLI E TRUCCHI

I 10 comandamenti per alloggiare dalla gente del posto

article-photo-478
profile-photo-19003

Le opinioni espresse nella presente pubblicazione sono quelle dell'autore/autrice

Ti piace questo articolo? Condividilo:

Sei stata convinta dalle buone ragioni per fare un viaggio in solitaria e hai finalmente trovato la piattaforma di couchsurfing che fa per te. Dopo aver organizzato tutto, sei pronta per iniziare la tua avventura.
Con lo zaino pronto e l'itinerario di viaggio già scelto, non ti resta che partire.
Ma improvvisamente, alla porta di casa, hai dei dubbi su come sarà la tua relazione con l’ospitante.

Stai tranquilla, Hermès, il Signore del viaggio, ha preparato alcuni comandamenti che puoi mettere in atto per garantirti un soggiorno senza problemi.

<h2>1) Per alloggiare dalla gente del posto, devi mettere la tua sicurezza al primo posto</h2>

Certo, viaggiare può essere un po' una seccatura. Quando vuoi alloggiare dalla gente del posto, soprattutto se sei donna, è consigliabile fare attenzione. Alcuni profili possono essere compilati in modo errato, fuorvianti e indicare un luogo sbagliato o una condizione diversa dalla realtà (un ospite che vive da solo e non con una famiglia, ecc.). Quando si scopre che i dati non sono uguali a quelli forniti, di proposito o meno, ci si sente a disagio.

Perché quella persona ci ha mentito? Quali sono le sue intenzioni? Possiamo subito andare nel panico, sentirci presi in giro e immaginare il peggio. Non scervellarti cercando una strategia come Atena, ma approfitta della sua saggezza.
La cosa migliore da fare è avere un piano B ed evitare di ritrovarsi nella stessa situazione di Sylvie. Altrimenti, assicurati che il tuo ospitante sia una persona affidabile trovata su un sito sicuro, come SisterHome o trovati UN’OSPITANTE per sentirti ancora più sicura.

<h2>2) Non giudicare la tua ospitante</h2>

Non ti piace il suo arredamento, è troppo antiquato, certo, la dea del cattivo gusto ti circonda... oddio, mette il latte prima dei cereali? Bagna lo spazzolino dopo averci messo il dentifricio? Non è una tua abitudine, ma è la sua. Non vi si chiede di fare quello che fa lei, ma di rispettare le sue abitudini e i suoi gusti.

Non cucina la pasta come fai tu? Osserva, potresti imparare nuove ricette. Condividi le tue abitudini per capire le sue e abbi una mentalità aperta. Per quanto riguarda le tue opinioni, non essere troppo rigida, cerca di ascoltare perché la tua ospitante la pensa diversamente e parlane con lei piuttosto che giudicare il suo modo di pensare.

Forse la tua ospitante giapponese infila le bacchette nel piatto per un motivo particolare, che sarà felice di condividere con te se glielo chiedi. Quando si sceglie di alloggiare dalla gente del posto, la conversazione passiva finisce sempre per dare risposte originali, se sei incuriosita dalla tua ospitante e dalle sue abitudini, sicuramente anche lei è incuriosita da te.
Per esempio, Laure, una viaggiatrice con la quale ho avuto modo di chiacchierare, si è stupita di trovare un bidet in casa della sua ospitante italiana e hanno potuto confrontarsi quando le ha chiesto l'utilità della cosa.  Insolito vero? Ma originale! Lo stesso Poseidone non riusciva a crederci, tuttavia, Dio del mare suona meglio del Dio del bidet...

<h2>3) Tieni le tue cose in ordine</h2>
donna-che-mette-le-sue-cose-in-valigia.jpeg
Quando scegli di alloggiare dalla gente del posto, evita di occupare tutti gli spazi. Un calzino qui, un paio di mutande là… alla tua ospitante potrebbe dar fastidio vedere le tue cose in giro nella sua casa ordinata. Se hai una stanza tutta per te, è meglio tenere tutto dentro. Prova a mettere le tue cose nella borsa quando esci, in modo che la tua ospitante non svenga in tua assenza pensando che una furia abbia devastato la stanza.

Peggio ancora, se la tua ospitante non è molto organizzata e inizi a disperderti troppo, è probabile che dimentichi la metà delle tue cose quando te ne vai. Per evitare che ciò accada a te, ricorda questi consigli per organizzare il tuo primo viaggio in solitaria e controlla la lista delle cose che hai portato con te. Quindi, come Hestia, mantieni la casa ordinata e accogliente.

<h2>4) Non credere di essere in un hotel</h2>

Ricordati che non stai a casa tua e alloggiare dalla gente del posto non è stare in un hotel, è importante rispettarli. Tornare a casa a qualsiasi ora, dopo aver passato la notte a bere vino con Dioniso e a festeggiare con sconosciuti, con le scarpe piene di terra e a fare chiasso come se abitassi da sola… Questa potrebbe non essere l'idea migliore per andare d'accordo con un’ospitante. Devi rispettare la casa e ricorda che l’ospitante abita lì insieme a te.

Se la fai pentire di averti ospitata, il soggiorno sarà poco piacevole per te e per lei. Se scegli di alloggiare dalla gente del posto, parlare del suo stile di vita al tuo arrivo ti farà capire se la tua ospitante ha delle regole particolari. Ognuno è diverso, quindi è importante parlarne.
Forse una delle ospitanti vorrà condividere tutti i pasti con te, mentre l’altra non sarà disponibile e devi sbrigartela da sola. Ci sono molte cose personali dell’ospitante, quindi è importante informarsi su di esse non appena si arriva, in ​​modo che il soggiorno si svolga nelle migliori condizioni possibili per tutti. Se qualcuno condividesse la tua vita quotidiana, vorresti che facesse lo stesso, giusto?

<h2>5) Adattati agli usi e costumi</h2>

Adattarsi all'ospite significa anche adattarsi al suo modo di vivere e potenzialmente alle sue abitudini. Se stai viaggiando a livello internazionale o anche nel tuo paese, la tua ospitante avrà sicuramente delle tradizioni locali che sarà felice di condividere con te.

Forse si alza molto presto per fare Tai-chi all’alba trainata da Apollo nel suo carro. Se scegli di seguire il suo ritmo di vita, sarai sicuramente spaesata. Lei sarà sicuramente felice di condividere questi momenti con te e di vedere che li apprezzi.

Durante uno dei miei viaggi, ho scoperto una delle abitudini della famiglia dalla quale alloggiavo. Ogni sera, prima del pasto che facevamo tutti insieme, tutti raccontavano qualcosa che avevano fatto, visto o sentito durante la giornata che li aveva messi di buon umore.
Mi sembrava abbastanza strano all'inizio, ma dopo una giornata uggiosa ho capito, l'obiettivo era che, condividendo un piccolo momento di gioia con tutti, avremmo finito per sentirci tutti bene e mangiare con buon umore per iniziare una nuova giornata con il piede giusto.
Sembrava molto simbolico per loro e la loro famiglia era piena di gioia.

<h2>6) Rispetterai i pasti e i regali offerti</h2>
pasto-abbondante-servito-su-un-tavolo.jpeg
Parlando di condivisione del pasto, questo è un passo importante quando si decide di alloggiare dalla gente del posto. Ovviamente, a volte le persone non hanno il tempo o la voglia di mangiare con te. Ma di solito finisci sempre per condividere almeno un pasto.

Solitamente, è un piatto tipico della regione che la tua ospitante avrà preparato con tutto il cuore e la volontà, impiegandoci tanto tempo. Per non offenderla, a meno che tu non abbia un'allergia, non avrai altra scelta che assaggiare. Ricorda che ci ha messo molto tempo. Se stai preparando una delle tue specialità, non vorresti che i tuoi ospiti rifiutassero nemmeno un boccone. Potresti essere sorpresa da un piatto che non ti ispira tanto dal colore, perché può essere buonissimo.

In cambio, puoi ovviamente farle assaggiare una delle specialità della tua regione. (in generale, troverai qualcosa per fare le crêpes in tutto il mondo… eh sì, la Bretagna è onnipresente).

In generale, oltre il pasto, è importante conoscere bene gli usi e costumi locali e accettare, con tanti ringraziamenti, i potenziali regali che ti saranno offerti. Non aspettarti però di ricevere una cornucopia, ogni generosità ha i suoi limiti.

Ad esempio, per quanto riguarda il pasto, nel Maghreb finire il piatto è segno che si ha ancora fame. Quindi non sorprenderti di vedere il tuo piatto di nuovo pieno di cibo, anche se hai già mangiato abbastanza. Per evitare che questo ciclo si verifichi, lascia un po' di cibo nel piatto in modo da non ricevere il 36° piatto della serata. In questo modo, la gente del posto sarà felice e saprà che non hai più fame.

<h2>7) Darai una mano alla tua ospitante</h2>

Pulisci la tua camera prima della partenza, lava i piatti o anche prepara un pasto, Briareo e le sue 100 braccia ti sarebbero molto utili per andare più veloce. Stai usufruendo di un alloggio gratuitamente, quindi tutte queste piccole cose che ti sembrano niente di che, vengono comunque notate dall’ospitante. La maggior parte ti ringrazierà per l'aiuto fornito e ricorderà questo lato premuroso di te.

Scoprendo questo aspetto su di te, alcune ospitanti che potrebbero essere diffidenti all'inizio potrebbero diventare poi più calorosi e farti scoprire la loro regione secondo il loro punto di vista. Un aiuto tira sempre un altro!

Dopotutto, è abbastanza semplice aiutare con qualcosa in cambio di vitto e alloggio. Potresti creare una nuova amicizia con l’ospitante e trascorrere un soggiorno ancora più piacevole.

<h2>8) Mantieni la tua intimità e la tua modestia</h2>
donna-che-fa-la-doccia.jpeg
Questo aspetto dipende molto dalle persone, dai paesi e dalle culture. In generale, la modestia è incoraggiata quando si decide di alloggiare dalla gente del posto. Forse hai l'abitudine di girare per casa in asciugamano alla ricerca del tuo outfit. Ma questo, per molte persone, sarà mal compreso. Quindi metti via il tuo vestito da Afrodite e mantieni la tua parte misteriosa. Non vederlo come uno svantaggio del couchsurfing, ma come parte della tua avventura.

Se vai a farti la doccia, porta qualcosa per cambiarti in bagno, o almeno qualcosa con cui coprirti quando esci se non hai ancora deciso il colore della maglietta da indossare oggi (Cristina Cordula, dea della moda, aiutami).
Anche quando esci, fai attenzione a cosa indossano le persone del posto. Indossare una gonna può sembrare innocuo per te, ma in determinate regioni, in determinati luoghi o in determinate occasioni può essere disapprovato.

<h2>9) Sarai attenta a scegliere gli argomenti su cui parlare</h2>

Sei generosamente ospitata dall’ospitante. Perciò, evita di parlare troppo della tua situazione, del fatto che sei benestante o meno. A livello globale, il denaro può essere un tabù. Tuttavia, ci sono molti altri argomenti che possono sembrare banali per te, ma che sono proibiti dalla persona dalla quale stai, o anche dal paese stesso.

Sii consapevole di quali discussioni evitare, non conosci la persona e non sai come potrebbe reagire. Quindi se vuoi parlare con la tua ospitante di un argomento che ritieni delicato, assicurati che non la metterà a disagio prima di parlarne, in modo da non terrorizzarla come se avesse incontrato gli occhi di Medusa in persona.
Per quanto riguarda i soldi, non parlarne non significa che non puoi offrire qualcosa in cambio per ringraziare l’ospitante, un regalo che hai comprato o anche una ricetta della tua regione ;)

Sarah, che ha viaggiato in Marocco, ha condiviso questo con me: "All'epoca ero giovane e avevo pochi soldi e pochi beni, ma vedere questa famiglia che aveva così pochi soldi accogliermi e condividere anche il suo pasto con me, mi ha davvero commossa. Anche se mi era rimasto poco cibo, non ho esitato un secondo a condividere con loro il mio cibo come gesto di ringraziamento. Oltre a questo scambio, ho anche voluto regalare un braccialetto che avevo al polso al loro bambino più piccolo che sembrava piacergli tanto. È stata una vera lezione di vita e sono felice di aver potuto condividere con loro anche solo una serata.»

<h2>10) Sarai autonoma</h2>

Quando devi alloggiare dalla gente del posto, non puoi pretendere tanto. L'alloggio ci viene generosamente fornito, ma ciò non significa che tutto ciò che c'è dentro ci appartenga. A seconda di quanto concordato con l’ospitante prima dell’arrivo, potrebbe non fornirci lenzuola, cibo e potremmo non avere nemmeno accesso al frigorifero.

Ecco perché devi essere pronta a cavartela da sola, che si tratti di mangiare, trasportare o persino scalare il Monte Olimpo. Molti ospitanti saranno disposti a condividere con te la loro conoscenza della zona e ti porteranno persino a scoprirla. Questo non significa che ci si debba aspettare che tutti lo facciano. Alcune non hanno tempo, ma ti offrono comunque un tetto. Quindi sfrutta al massimo quello che hai!
Non c'è profezia qui, ogni soggiorno è unico. Se segui questi pochi comandamenti, hai una mentalità aperta e una passione per la condivisione, crescerai.

Incontrare nuove persone, parlare con loro e godere di tutto ciò che hanno da offrire, da raccontare, ogni avventura ti cambia un po' di più. Nuove conoscenze, nuovi argomenti su cui parlare, farai degli errori, il tuo viaggio non sarà mai perfetto o non come te lo immaginavi.

Meglio ancora! Essere sorpresi dagli imprevisti del viaggio non fa che renderlo più autentico. Puoi ringraziare Hermès per i suoi consigli! Quindi godetelo, perché ogni viaggio ha una fine (beh, fino al prossimo viaggio).

Ora non ti resta che trovare un’ospitante nella destinazione che preferisci e lasciarti guidare!


Articolo tradotto dal francese da Hanane A.

Ti piace questo articolo? Condividilo:

Articoli della stessa autrice

Articoli consigliati

Torna al blog